Cosa fare quando scelgono la strada sbagliata?

Sei un professionista, sai il fatto tuo. Cosa fare quando il tuo cliente decide per la strada sbagliata?

Qualche giorno, lavorando a un progetto di un cliente se seguo da anni, suggerisco un’immagine per rappresentare un nuovo contenuto del sito.

Effettivamente la pertinenza con l’argomento del contenuto non è palese ma l’immagine è “shock” e so che farà egregiamente il suo dovere non passando inosservata.

Come da programma, tempo di postare l’immagine sulla chat che il dibattito si apre. Segno evidente che l’immagine attira l’attenzione. Bella o brutta non so. È nella decenza ma di certo attira l’attenzione.

Visto che non mi piace impormi, stimolo gli altri collaboratori a formulare altre proposte tra cui un’immagine bella ma comunque ugualmente poco pertinente e decisamente carente per quel che riguarda altri importanti aspetti.

Sotto voto di maggioranza l’immagine viene scelta al posto di quella da me suggerita.

Beh, poco male! È comunque bella e farà la sua figura.

Tutto tace ma dentro so che la scelta è errata!

Vaglielo a spiegare i ragionamenti che fai quando scegli un’immagine dal photo stock! Come dirgli che per te il ‘mi piace è bella’ o il ‘non mi piace è brutta’ è solo uno dei tanti trascurabili parametri di secondaria importanza? E poi, come dirgli che i fattori che determinano l’ingaggio che un’immagine può realizzare sono ben altri rispetto al ‘mi piace’ o ‘non mi piace’ che resta un parametro del tutto soggettivo e affatto oggettivo?

Tutto si può spiegare e, trovando il modo e le parole giuste, tutto si può far accettare.

Considerando però che questo che ho appena raccontato è soltanto uno dei casi e che certi comportamenti si manifestano in tanti altri ambiti del mio lavoro, subentra un problema chiamato ‘tempo’. Quanto ce ne vuole per spiegare sempre tutto?

A questo punto, visto che l’unica strada per far comprendere il tuo punto di vista, è quella di investire una discreta quantità di tempo ad insegnare agli altri le regole del tuo lavoro, devi capire semplicemente se ne vale la pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *