Ogni incontro suggerisce una nuova potenziale direzione

Il bello di fare rete, soprattutto su Linkedin, è che ogni nuovo collegamento suggerisce una nuova potenziale direzione. Non trovi?

Tendiamo spesso a fare rete per il mero raggiungimento di numeri interessanti. Mi riferisco alle Vanity Metrics che vanno bene se vuoi fare l’influencer di bambini di 20 anni che ascoltano trap e mangiano lecca lecca al vapore.

Ma questo non vuol dire fare rete!

Fare rete, specialmente su un canale dove siamo tutti uno più bello dell’altro (intendo LinkedIn), fare rete va ben oltre la metrica della vanità: più follower ho, più sono bello e interessante.

Il punto, qui, non è la quantità, bensì la qualità delle interazioni che riusciamo a mantenere attive.

Se ragioniamo sulla base del principio secondo cui “ogni incontro suggerisce una nuova potenziale direzione”, dobbiamo trasformare un collegamento in un incontro per far si esso suggerisca una potenziale direzione.

Una volta generato l’incontro, che su un canale come LinkedIn può iniziare virtualmente per proseguire nella realtà, la nuova direzione da intraprendere può prendere forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *