LinkedIn: il social network dell’autocompiacimento

Che LinkedIn sia di una noia mortale questo è risaputo. A rendere il tutto ancor più pesante sono gli innumerevoli post di autocompiacimento che…

…agenzie di comunicazione o esperti di marketing digitale continuano a postare imperterriti.

Un esempio tipico è quello del post con foto della riunione che ritrae tutto lo staff intento a produrre chissà quale idea del secolo. Mentre il testo allegato al medesimo post cita qualcosa del genere: Perché quando ci riuniamo non lo facciamo per vendere un prodotto, un servizio o una licenza software! Noi dell’agenzia di comunicazione XYZ spremiamo le nostre menti per trovare la soluzione giusta per il cliente, etc etc etc….

Oppure

Foto dello staff operativo: Dopo mesi di duro lavoro siamo finalmente arrivati al capolinea! La campagna di ‘vattene a pesca’ è finalmente pronta. Il momento prima del lancio è sempre intenso e pieno di brividi che ti corrono tutto lungo il corpo, anche se sai che probabilmente la campagna subirà dei cambiamenti. Etc etc etc…

Trovo questi post di autocompiacimento un pessimo modo per fare propaganda a se stessi, peggio ancora se adotti la stessa modalità comunicativa per i tuoi clienti.

Sono il risultato di una scarsa capacità comunicativa o di prigrizia nel voler reperire o creare contenuti di valore.

Pessimo esempio per i tuoi probabili clienti che muoiono di noia prima di poterti contattare.

Aiuta LinkedIn ad essere un post’o’ migliore: pubblica contenuti di qualità e non puttanate di autocompiacimento! Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *