Web Marketing per Avvocati 1

Che azioni di web marketing può fare un avvocato? Ecco il mio punto di vista.

Generalizzando, è possibile dire che ogni azione che compiamo online è comunicazione.

Se visito una pagina web, probabilmente sono tracciato e sto comunicando a qualcuno che ho visitato la sua pagina. Se pubblico un post su un social network, sto comunicando qualcosa ai miei seguaci, se invio un’email sto comunicando con un cliente, se pubblico un articolo sul mio blog sto comunicando qualcosa ai miei lettori.

Occhio quindi a come ti muovi perché tutto è comunicazione.

Detto questo scendiamo nel dettaglio di quelle che ritengo essere le best practice per un avvocato.

Codice civile, codice penale, migliaia tra articoli e comma. Chi non ha mai avuto a che fare con almeno uno di questi?

Tutti prima o poi ci troviamo nella condizione di dover enunciare a piena voce la fatidica frase “le faccio scrivere dal mio avvocato”. Ma chi è il tuo avvocato? Ce l’hai un avvocato?

Passaparola

Se non ce l’hai c’è sicuramente quello di un tuo parente o di un caro amico. Molti avvocati effettivamente lavorano grazie al passaparola. Il passaparola resta infatti la prima e più importante strategia di marketing la cui leva principale è basata sul principio di riprova sociale: “se me lo consigli è perché ha funzionato per te, allora funzionerà anche per me”.

Con l’avvento di Internet, questo principio acquisisce maggior peso sulle nostre valutazioni quando la “riprova sociale” è confermata dalla rete.

In altre parole, se un mio amico mi suggerisce un avvocato per risolvere un problema, dieci anni fa alzavo il telefono e lo chiamavo, oggi vado su LindekIn e/o Facebook e/o Google per avere conferma di quanto mi è stato detto dal mio amico. Solo dopo, e con altre modalità (Messenger/WhatsApp e simili) entrerò eventualmente in contatto con l’avvocato in questione per la risoluzione del mio problema.

Ora, caro avvocato, cosa vogliamo far trovare in rete alle persone in cerca di questa conferma?

Dovranno trovare contenuti pubblicati sul tuo blog e social network che non deludano le aspettative ma che accrescano la tua autorevolezza.

Quindi, strategia uno, pubblica contenuti (video/testo) che raccontino in maniera originale il tuo lavoro. Attraverso queste pubblicazioni puoi aiutare le persone a comprendere gli articoli del codice, esprimere personali opinioni su sentenze, raccontare episodi di rilievo della tua carriera, ricreare scenari nei quali le persone possano ritrovarsi.

Hai pochi follower e i tuoi contenuti non li vede nessuno? Fregatene! Servono per accrescere la tua autorevolezza agli occhi delle persone giunte attraverso il passaparola!

Evita di postare e condividere cose poco consone e, se proprio non puoi resistere, fallo su canali e profili dedicati, non determinanti per il tuo lavoro di avvocato.

Per oggi è abbastanza. Il resto te lo mando nei prossimi giorni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *