Perché (non) usi Gmail?

Sei appassionato di Google? Si, lo sono; Sei felice di usare Gmail? Si, lo sono; Sei partner e affiliato di Google? Si, lo sono; Sai che non tutti usano Gmail? Si, lo so; Lo capisci? SI!

Proprio ieri sera, non a caso di venerdì, ho fatto l’ennesima migrazione Aruba -> GSuite. È stata dura e alla fine ce l’ho fatta, non tanto per la migrazione, quanto per convincere il cliente a sfruttare la piattaforma di strumenti per aziende più potente al mondo.

Ora stai probabilmente pensando che “tutti hanno un account Gmail“…sei sicuro?

Parlo degli account GSuite nella loro interezza, dove Gmail è senz altro lo strumento centrale. Parlo quindi di account Business.

Quante aziende in Italia utilizzano tali tecnologie? Poche. Sempre di più ma ancora poche.

Perché non le utilizzano? Probabilmente perché non ne conoscono l’esistenza. Se ne sono al corrente non ne comprendono l’efficacia e l’affidabilità (provare per credere). Se ne conoscono l’esistenza e ne ammettono efficacia e affidabilità, allora non sono pronti ad affrontare il cambiamento. Se sono disposti ad affrontare il cambiamento e non lo fanno, beh allora sono pazzi!

Ho fatto molta esperienza come traghettatore di aziende da servizio X a G Suite. In alcuni casi è andato tutto liscio. In altri è andato comunque tutto liscio ma ho persino preso degli insulti.

Il cambiamento spaventa. Prova a metterti nei panni di un dipendente che dopo 15 anni di Outlook si trova davanti la schermata di Gmail…che trauma. Non vorrei essere nei suoi panni!

Immagina ora lo stesso dipendente che, dopo 15 anni di “allega file“, deve trovare la forza (e la voglia) di passare dal concetto di “allegato” a quello di “condivisione“. Altro trauma, più grave, incomprensibile!

Ora immagina il medesimo dipendente (mi vien quasi da pensare a Fantozzi) che, dopo i soliti 15 anni, deve abbandonare il suo buon vecchio Microsoft Word per iniziare a lavorare su Google Drive.

Immagina…

Questi sono solo alcuni dei traumi che i dipendenti di una piccola media impresa devono attraversare e risolvere prima di passare a Gmail e G Suite. Ma una volta fatto…guai a chi gli tocca questi strumenti!

Dagli insulti ai ringraziamenti, in questo caso, non meno di sei mesi!

Provare per credere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *